vai alla home page di ZONA
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / poesia  
VOGLIO COLPIRE UNA COSA di Silvia Tripodi

VOGLIO COLPIRE UNA COSA
di Silvia Tripodi
postfazione di Gian Luca Picconi

silloge vincitrice della sezione inediti del Premio Letterario Nazionale Elio Pagliarani 2015 - I edizione
ZONA 2016 - pp. 74 - EURO 10
ISBN 978 88 6438 607 2

Assaggia il libro,
sfoglia il trailer
>>>

 
Cosa colpita in fondo allo stagno
Cosa colpita pesa
In fondo allo stagno
La cosa colpita alla quale non ho dato un nome
È finita dentro a uno stagno
La cosa che avrei voluto colpire invece no
La cosa che ho colpito e che è in fondo allo stagno
Ha un nome che non pesa
Peso l’ha fatta andare a fondo
Cosa colpita tocca fondo che non pesa
 
Questa silloge ha vinto la sezione inediti della prima edizione del Premio Nazionale Elio Pagliarani 2015 con la seguente motivazione: «I testi di Silvia Tripodi sono notevoli perché mettono in scena un soggetto rinato dai brandelli dell’ego per riconnettere – con una reduplicazione e un rafforzamento anche ossessivo del nesso – il linguaggio e la prassi, mediante una speculazione, sul più piccolo gesto e sulla più piccola osservazione, che riesce universale e che parrebbe rifondare l’incidenza delle nostre azioni collettive».  
(...) Se l’identificazione è discontinua, se non esiste altro che mimesi, anche di sé stessi, ma questa mimesi ha zone di maggiore o minore identificazione, se non si può mai essere sé stessi se non in terza persona, la prima persona di Silvia Tripodi serve a denunciare il rapporto di crisi tra nomi e referenti, ed è un discorso che ha una valenza politica evidente. Essere padroni del proprio discorso è fondamentale e fondamentalmente impossibile (...) Ma proprio il non-sapere, l’indeterminatezza e vaghezza dell’espressione, l’impos sibilità di trovare una perfetta coincidenza – ma nemmeno una assoluta estraneità – tra voce e autore, hanno anche il potere paradossale di rian-
nodare nomi e cose. Come? Tripodi mostra il discorso come fatto di filamenti (...); e questi, in fin dei conti sono una stupenda allegoria del partage du sensible: come dire che la coesione del discor-
so, l’insistenza ritmica su determinate parole, la progressione del senso per progressive addizioni e rimodulazioni semantiche può entro certi limiti suturare la frattura tra nomi e cose, ridare senso quindi al discorso (...)
[ dalla postfazione di Gian Luca Picconi]
 
 
assaggia il libro assaggia il libro, sfoglia il trailer
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
acquista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
   
l'autrice
Silvia Tripodi Silvia Tripodi
(1974)

Vive a Roma. Nel 2013, ha partecipato a RicercaBo Laboratorio di nuove scritture. Suoi testi sono presenti su «l’immaginazione», «OEI», «Nuovi Argomenti» e su siti come GAMMM e Nazione Indiana. Ha collaborato all’antologia Totilogia (a cura di Daniele Poletti, Edizioni Cinquemarzo, 2014) e ai lavori di EX.IT 2014 Materiali fuori contesto, ad Albinea (RE). Ha vinto la sezione inediti del Premio Lorenzo Montano 2014 e, con questa silloge, la sezione inediti del Premio Nazionale Elio Pagliarani 2015.
 
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 

  Editrice ZONA snc di Piero Cademartori e Silvia Tessitore
Sede legale: Corso Buenos Aires 144/4 - 16033 Lavagna (Genova)
Infoline: 338.7676020 - Email: info@editricezona.it - Pec: editricezonasnc@pec.cna.it
Web site: www.editricezona.it - www.zonacontemporanea.it
Per altre informazioni, vai alla pagina dei crediti