Home Page  
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / narrativa  
QUALCHE SERA D'INVERNO A MARANELLO. Dodici racconti dalla fabbrica delle rosse

QUALCHE SERA D'INVERNO A MARANELLO
Dodici racconti dalla fabbrica delle Rosse
Racconti di Stefano Albieri, Elena Betti, Marcello Carretta Francesca Curci, Sabina Fasciolo, Sara Montanari, Davide Paganoni, Roldano Toni, Sabrina Tonielli, Francesco Tonolo, Luca Venturi, Gemma Zubiani

ZONA 2005
pp.144 - EURO 13
ISBN 88 89702 11 7


 
Lavorano in reparti e settori diversi della Ferrari. Alla guida di Luigi Bernardi, abile maestro (che non distingue una biella da un pistone), si sono messi a scrivere – grazie a un corso di scrittura offerto dalla nostra Azienda - scoprendo che ci si può divertire. Hanno scritto belle storie, ispirandosi alla creatività che utilizzano sul lavoro. Tanto belle da suggerire la realizzazione di un libro. Non sappiamo se diventeranno mai degli scrittori veri e propri. Sappiamo però che a Maranello si fabbricano anche racconti.

Francesco Garello, Direttore Personale e Organizzazione Ferrari S.p.A.


SENZA PATENTE

L'introduzione alla raccolta
di Luigi Bernardi

Quando mi hanno chiesto di impostare un corso di scrittura per i dipendenti della Ferrari, ho pensato a uno scherzo. Verificato che si trattava invece di una cosa seria, la domanda successiva è stata: ma io come diavolo ci arrivo a Maranello?
Non è stato difficile, la Ferrari ha pensato anche alle difficoltà di un non patentato. E così è andato tutto liscio, anche se mi è sempre sembrata stravagante l’idea di trasferirmi, ognuno dei giovedì del corso, nella terra dei motori, io che non saprei distinguere una biella da un pistone, e neppure ingranare una marcia.
Chi frequenta un corso di scrittura di solito lo fa per una scelta resa consapevole dal fatto che paga di tasca propria. Il corso alla Ferrari era offerto dall’azienda, i singoli partecipanti devolvevano soltanto una parte del loro tempo libero. C’era il rischio che, soddisfatta l’iniziale curiosità, pochi prendessero sul serio l’intera faccenda. Non è stato così. Il corso ha avuto un numero di partecipanti più alto del previsto, tutti hanno seguito con regolarità, e nessuno si è fatto scrupolo di invadere la mia casella di posta elettronica con i testi che dopo il sesto incontro ciascuno ha cominciato a scrivere a casa propria. Si trattava di racconti bene impostati, compiuti, in qualche caso anche di lunghezza notevole, narrazioni che sarebbe stato un peccato disperdere. Di qui l’idea di raccoglierli in volume.
I libri che si pubblicano oggi, per quanto riguarda la narrativa, appartengono sempre più spesso a una sfera che potremmo definire dell’intrattenimento. Si tratta di testi senza altre pretese che affascinare e divertire il lettore, coinvolgerlo in un gioco delle parti fra chi scrive e chi legge, dove il primo ha il ruolo del conduttore e il secondo quello del partecipante. Se il primo è bravo, il secondo si diverte. Se è scarso, il lettore parte in cerca di meglio, come in un luna-park dove non mancano le attrazioni.
E se le parti si invertissero? O meglio, e se il lettore provasse a diventare lui stesso conduttore del gioco? Si divertirebbe lo stesso? Si divertirebbe soltanto o scoprirebbe di sé e della scrittura cose che non sa?
Credo sia giunto il momento di abbassare la maschera. I corsi di scrittura sono principalmente questo, o comunque a questo servono, a invertire i ruoli. Nel grande gioco dell’intrattenimento, ci si può divertire anche a creare storie, e a scriverle, non solo a leggerle. Con la garanzia di conquistare sempre il bonus, perché creando e scrivendo delle storie si scopre qualcosa di sé che la sola lettura non rivela, o almeno non sempre lo fa.
In questo libro sono raccolti i racconti dei tredici partecipanti al corso di scrittura alla Ferrari. Sono racconti nati poco per volta, un esercizio dopo l’altro, una consapevolezza raggiunta che si legava a un’altra ancora da impratichire. Li accomuna soltanto questa origine, e il fatto che sono stati tutti quanti scritti da qualcuno che lavora per la stessa azienda, quella mitica Ferrari che ha voluto loro regalare una possibilità in più.
Diventeranno scrittori, i tredici autori di questo libro? È una domanda oziosa, non esiste il patentino di scrittore. Di certo ora possiedono una maggiore consapevolezza nel loro essere lettori, e hanno anche capito che con la scrittura ci si può divertire, e tanto, ribaltando i ruoli. Di mio posso solo aggiungere che è difficile sottrarsene, una volta che si conoscono le regole del gioco.
Ho trovato interessante questa possibilità e ho capito che per la Ferrari il talento è importante, e merita tutta l’attenzione possibile. Sia il talento diciamo così professionale, sia quello che agita le attitudini e gli interessi personali di ciascuno.
L’importante è dare alle persone la possibilità di esprimersi.

 
 
assaggia il libro spiacente, il trailer
di questo libro non è disponibile
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
aqcuista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
presentazioni
news
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 
 

  Editrice ZONA di Piero Cademartori - P. IVA 00021220991 - C.F. CDM PRI 58A22 C621B
via dei Boschi, 244/4 - località Pieve al Toppo - 52040 Civitella in Val di Chiana (Arezzo)     
tel/fax 0575.411049 - mobile 338.7676020 - www.editricezona.it - info@editricezona.it