Home Page  
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / poesia  
INVENTARI, di Andrea Inglese

INVENTARI
di Andrea Inglese

ZONA 2001
pp.96 - EURO 7,23
ISBN 88 87578 35 4

Collana Scritture
diretta da Guido Caserza

 
[...] I testi qui raccolti sono stati scritti probabilmente tra il 1997 e il 2001. Il filone dei testi intitolati Inventari però non è ancora concluso. Ne sono rimasti fuori alcuni, allo stato ancora gassoso.
Caduta a Seattle è stata scritta pochi giorni dopo la grande manifestazione del 30 novembre 1999, quando migliaia di persone contestarono la terza Conferenza ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio. Lo spunto mi è stato fornito da una foto pubblicata da il manifesto. Il tono di questo testo, nato da uno sguardo a distanza, è prevalentemente picaresco. Non ho potuto né voluto scrivere Caduta a Genova, dopo le manifestazioni del 20 luglio 2001, dove Carlo Giuliani è stato ucciso da un carabiniere. Qui lo sguardo è troppo vicino e l’orrore così esplicito da sfalsare ogni tono. Questa caduta di uno zanni italiano sotto i colpi di pistola di un carabiniere italiano non può, per ora, divenire emblema né trovare una forma sublimante. I telegiornali hanno mille volte fatto passare avanti e indietro la gip sul corpo disteso, quasi gommificato, di Carlo, e mille volte lo hanno rialzato di nuovo da terra, gli hanno rimesso tra le mani l’estintore, cercando, attraverso questa moviola ossessiva, di carpire l’orrore dell’ammazzamento o di esorcizzarlo per sempre. Ma l’orrore non si cela nell’immagine. Esso è già penetrato dentro di noi e non si lascerà cancellare facilmente. [...] (dalla Nota di Andrea Inglese)


Inventario delle carni perdute

Carni da squalo al palo della Cuccagna,
al patibolo di salcicce e cinghiari
su trampoli inerpicando, gozzi,
tubi famelici, fauci e proboscidi
in cozzi e rapine, al celeste lardo
salendo, al morso, al sugo saligno
delle entragne, schiuse carni d’azzanno,
tuttòfaghe cavità anelanti
al convesso frutto del mondo,
carni audaci, mandibolari
dove siete?

Carni vere, indubitabili
di predatore ominide, in corsa
con mani dal pollice opponibile
a sciabolare lame di selce
nella scia dell’orso ferito,
carni di Tarzan, di villoso
yeti delle nevi, di mister
Hyde, schiumante nell’orbita
pazza dei bisturi, carni
senza verbo, ululanti e ridenti
nel cerchio di pugilati e copule
senz’altro cielo che il pargolo
digesto, il pasto del vicino,
carni che i conati scuotono
febbrili dal pozzo di viscere
al faro di fantasie, di flebili
pensieri carnivori, fami
fonde di Minotauro: rami
di zanne che non separano l’osso
dalla polpa, il nocciolo
dal frutto, che non sanno
il crudo e il cotto...

Carni elementari che hanno
innocuo, in sé, il germe umano nudo
e crudo, prima del pomo cognitivo,
del crollo nei torti ritardi del cervello,
prima dei digiuni e delle diete, del cibo
simulacro delle cifre e delle righe,
carni acefale, cannoni d’escrementi
che serpi di fango restituite
al fango da cui sorgete: vermi
grassi d’ogni veleno terrestre,
d’ossidi e acidi, piombo e pece,
carni che interne vi scorticate
di scarti, e scisse vi sparpagliate
in tumuli di feci, carni di buon
selvaggio, rimpiante e desiderate...

Carni d’incommensurabile felicità
non tornate, state pure dove siete:
nel mito, nell’assioma di fumetto,
nel sogno usurato, a noi le teste
di paglia – che a fuoco lento e tanto
fumo vanno – restano, per il corto
rogo che ci è dato: il residuo istinto
è nel refuso, nel punto mancante
della i che un correttore zelante
supplisce. (Per dose somma
di lumi, galatei, pedagogie,
spossata è la felicità dei sensi,
ma s’illude e sferza con artificio
infebbrata nella giostra di protesi:
con indosso la muta elettronica
il mite cittadino caccia il giaguaro
ruotando casalingo su se stesso.)

 
 
assaggia il libro spiacente, il trailer
di questo libro non è disponibile
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
aqcuista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
l'autore
Andrea Inglese
(Torino, 1967)

Vive a Milano. Ha conseguito un dottorato in Letteratura comparata (Università di Trento, E.H.E.S.S. di Parigi). Ha pubblicato saggi e interventi di carattere filosofico e letterario. È presente con la raccolta poetica Prove d’inconsistenza nel VI Quaderno italiano (Marcos y Marcos, 1998). Ha partecipato alla redazione di Ákusma. Forme della poesia contemporanea (Metauro, 2000). Come finalista del premio di poesia “Antonio Delfini” ha pubblicato una plaquette intitolata Inventari con disegni di Carlo Benvenuto (Mazzoli Editore, 2001).  
presentazioni
news
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 
 

  Editrice ZONA di Piero Cademartori - P. IVA 00021220991 - C.F. CDM PRI 58A22 C621B
via dei Boschi, 244/4 - località Pieve al Toppo - 52040 Civitella in Val di Chiana (Arezzo)     
tel/fax 0575.411049 - mobile 338.7676020 - www.editricezona.it - info@editricezona.it