vai alla home page di ZONA
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / narrativa  
L'ALLENATORE DEL PALLONE, storia dell'uomo che fece vincere cinque scudetti al Grande Torino, di Leocarlo Settimelli

L'ALLENATORE ERRANTE
Storia dell'uomo che fece vincere
cinque scudetti al Grande Torino
di Leoncarlo Settimelli

Premio Selezione
Bancarella Sport 2007


ZONA 2006
pp.160 - EURO 15
ISBN 88 89702 20 6
Collana 900 Storie
diretta da Carlo D'Amicis


 
Tra le squadre di calcio italiane, ce n'è una - il Torino - che può vantare, tra i molti primati, d'aver vinto cinque scudetti consecutivi, negli anni più terribili e al tempo stesso esaltanti della nostra storia: 1942-43, 1945-46 (i due campionati precedenti non furono disputati, per via della guerra), 1946-47, 1947-48, 1948-49. Quest'ultimo fu assegnato "d'ufficio": i granata erano già matematicamente campioni d'Italia quando - di ritorno da Lisbona per un'amichevole - l'aereo sul quale viaggiavano, un trimotore Fiat 202, si schiantò contro la collina di Superga. Era il pomeriggio del 4 maggio 1949. Il bilancio di quella tragedia fu di trentuno morti, nessun superstite.

A bordo, ovviamente, c'era anche l'artefice di quella ininterrotta serie di trionfi, ch'erano valsi alla squadra l'appellativo di "Grande Torino": un ineguagliato genio del pallone, l'allenatore Ernest "Egri" Erbstein. Ebreo ungherese, immigrato in Italia nel 1919, costretto ad abbandonare il nostro paese nel 1938 con l'avvento delle leggi razziali, fortunosamente scampato alla barbarie nazista, 51 anni, sposato e con due figlie. Eppure, Erbstein è un nome dimenticato, la sua immagine appare raramente anche nelle foto ufficiali. Perché?

Leoncarlo Settimelli ne racconta la vicenda umana e sportiva in L'allenatore errante. Storia dell'uomo che fece vincere cinque scudetti al Grande Torino (Editrice ZONA - pp. 160, 15 euro - collana "900 storie", diretta da Carlo D'Amicis - in libreria dal prossimo 27 gennaio). L'io narrante è Cassini - personaggio dietro il quale non si fatica a riconoscere lo stesso Settimelli - impegnato nella realizzazione di uno sceneggiato radiofonico sulla figura di Erbstein, che scopre fin dall'inizio delle sue ricerche che qualcosa di non detto ne oscura la memoria.

Cassini ricostruisce la lunga e rocambolesca diaspora di Erbstein
: la fuga dall'Italia attraverso l'Europa, con tutta la famiglia, prima verso l'Olanda poi verso la nativa Ungheria, dove continuerà a fuggire la persecuzione delle SS e delle sanguinarie "Croci frecciate", e da dove - grazie alla trasformazione del cognome in "Egri" - riuscirà qualche volta a fuggire in Italia per incontrare segretamente Novo, il presidente del Torino, e indicargli i calciatori da acquistare. Per rinforzare la squadra che aveva lasciato a malincuore, e alla quale avrebbe regalato la più lunga e fortunata stagione del calcio italiano.

Grazie a numerose testimonianze - la figlia Susanna Egri, l'attore Raf Vallone, da giovane calciatore del Torino e cronista dell'Unità, i giornalisti Antonio Ghirelli e Giorgio Tosatti (il padre Renato, corrispondente della "Gazzetta del popolo", era al seguito della squadra e morì anch'egli a Superga), il terzino Sauro Tomà, scampato alla morte perché infortunato... - il copione dello sceneggiato di Cassini prende forma, qua e là attraversa e scandisce la narrazione, con i suoi rumori, le canzoni di sottofondo, le voci dei personaggi. La storia di Cassini, intanto, s'intreccia a quella di Erbstein, nel ricordo di tutti gli ebrei - e sono molti, fatalmente - che il narratore ha incontrato: da Marcella, orfana adolescente di genitori deportati (nascosta in casa di Cassini, a Firenze, quando lui aveva solo otto anni), al "violinista di Auschwitz" Jacques Stroumsa, fino a Moni Ovadia.

Ma perché Erbstein è stato dimenticato? Cassini scopre che L'allenatore errante fu vittima di un'infamia, dalla quale fu costretto a difendersi pubblicamente nel 1947: fu accusato di essere una spia russa, di aver tramato contro la nazionale italiana in occasione di un incontro con la nazionale ungherese, di avere simpatie e amicizie comuniste. Questo ha cancellato il suo nome dagli annali delle glorie sportive nazionali? O il fatto stesso che fosse ebreo ha alzato intorno a lui il muro del pregiudizio e dell'oblio? Il racconto di Cassini diventa un ideale strumento di giustizia, un modo per rendere al grande Erbstein ciò che è suo. Un doveroso tributo di memoria, una storia avventurosa e commovente che doveva essere raccontata, e che Settimelli racconta con la consueta, grande maestria.

 
 
assaggia il libro spiacente, il trailer
di questo libro non è disponibile
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
aqcuista il libro online su Internet Bookshop Italia acquista il libro online su IBS
vai alla pagina degli acquisti per ricevere il libro a casa tua
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
l'autore
Leoncarlo Settimelli
(Lastra a Signa, Firenze)

Ha vissuto a Firenze un'infanzia segnata dall'occupazione nazista e dalla guerra ma anche dalle gesta dei genitori partigiani. Prima operaio in una fabbrica di gomma, poi giornalista all' Unità , Paese Sera , Vie Nuove , Big e Men , negli anni Sessanta si trasferì a Roma, dove fondò il Canzoniere internazionale , gruppo di folk-revival e canzone politica tra i più vivaci e corrosivi di quegli anni, con all'attivo decine di spettacoli teatrali e televisivi, dischi, pubblicazioni e tournée. Tra le sue opere più recenti, il libro Dal profondo dell'inferno, canti e musica al tempo dei lager (Marsilio) e il CD Canti dei lager, edito da l'Unità.
Per ZONA ha pubblicato anche Il '68 cantato (e altre stagioni)

L'allenatore errante.Storia dell'uomo che fece vincere cinque scudetti al Grande Torino ha vinto il Premio Selezione Bancarella Sport 2007.
 
presentazioni
news
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 

  Editrice ZONA di Piero Cademartori - P. IVA 00021220991 - C.F. CDM PRI 58A22 C621B
via dei Boschi, 244/4 - località Pieve al Toppo - 52040 Civitella in Val di Chiana (Arezzo)     
tel/fax 0575.411049 - mobile 338.7676020 - www.editricezona.it - info@editricezona.it