vai alla home page di ZONA Carmelo Pecora in una foto della primavera 1978
  zona catalogo acquisti eventi librerie distribuzione

musica
narrativa
spettacolo
poesia
saggi
formazione
guide & turismo
solidarietÓ
catalogo per autori
acquista i nostri libri online su Internet Bookshop Italia
cerca la libreria pi¨ vicina a casa tua
vuoi ricevere i libri a casa tua, senza spese postali?
crediti e contatti
ufficio stampa
news
'O BOX comunicazione & servizi X musica & cultura
 
il libro / narrativa  
9 MAGGIO '78. Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato, di Carmelo Pecora

9 MAGGIO '78
Il giorno che assassinarono
Aldo Moro e Peppino Impastato
di Carmelo Pecora
collana "900 Storie"
diretta da Carlo D'Amicis

ZONA 2007
pp. 160 - EURO 15
ISBN 978 88 95514 00 0
Sfoglia il trailer del libro >>>

###

AUT AUT FESTIVAL 
contro le mafie - VI edizione

VALSAMOGGIA (Bo) località Bazzano
venerdì 12 maggio 2017 ore 20.30
Rocca dei Bentivoglio, Sala Giganti 
via Contessa Matilde 10 - ingresso libero

L'URLO DI MAGGIO
reading di Carmelo Pecora
dal suo libro "9 maggio '78. Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato" (Editrice ZONA)

info festival www.frb.valsamoggia.bo.it/autaut/

Leggi l'articolo di Gaetano Foggetti sul Corriere di Romagna del 23 luglio 2008 a proposito dello spettacolo "L'urlo di maggio" >>>


 
9 maggio '78. Roma e Cinisi. Le BR e la mafia. Due feroci delitti. Le ventiquattr'ore più drammatiche della Repubblica nel racconto tenero e bruciante di un testimone: un ragazzo che aveva scelto di servire lo Stato, un uomo che della legalità ha fatto ragione di vita.

9 maggio '78. A Roma le Brigate Rosse uccidono Aldo Moro. In Sicilia la mafia uccide Peppino Impastato. Questo è il racconto di quelle ventiquattr'ore dalla voce di un poliziotto siciliano di appena diciannove anni, sbattuto dal caso sul palcoscenico della storia . Carmelo Pecora - giovane allievo di PS di stanza nella capitale - era a bordo della prima Volante che accorse in via Caetani quando vi fu segnalata la Renault 4 rossa che conteneva il corpo dell'onorevole Moro: fu tra i primi a vederlo, riverso nel bagagliaio, con indosso un cappotto nero uguale a quello di suo padre. E fu la sua Volante a scortare l'ambulanza che lo trasportava all'Istituto di Medicina Legale.

Ma quello era solo l'ultimo atto di una vicenda che pareva già scritta dal destino: i primi 55 giorni della carriera di Carmelo Pecora in Polizia coincisero infatti fatalmente con i 55 giorni del sequestro Moro. Carmelo fu sbattuto dal caso in alcuni dei luoghi più significativi della vicenda: il giorno della strage di via Fani - 16 marzo - fu inviato a Torino, nell'aula del primo processo BR, dove Renato Curcio rivendicò il rapimento; successivamente fu trasferito a Roma, dove fu tra quelli che scoprirono il "covo freddo" di via Gradoli. Visse sulla propria pelle il clima di paura e sgomento di quei 55 giorni, la sensazione e la speranza - ogni volta delusa - d'essere a un passo dalla liberazione del prigioniero.

La mattina del 9 maggio '78, Carmelo era appena rientrato a Roma da una licenza a Enna, la sua città: mentre era in casa a godere gli ultimi momenti di calore familiare, il bollettino regionale di Radio Rai annunciò il ritrovamento di un cadavere dilaniato da un'esplosione, a Cinisi, sui binari della linea ferroviaria: si parlava di un attentato fallito, di un terrorista maldestro, tal Giuseppe Impastato, "noto estremista di sinistra". Per Carmelo, quei due delitti - apparentemente così distanti, sotto ogni punto di vista, accaduti lo stesso giorno - erano invece assai vicini: due uomini coraggiosi erano stati assassinati per il coraggio delle proprie idee. E li racconta con la stessa partecipata commozione. 

La voce di Carmelo Pecora ripercorre con toni teneri e brucianti questa esperienza, che rafforzò la sua convinzione di stare dalla parte dello Stato, della legge. Convinzione che per lui - oggi ispettore capo della Polizia di Stato, dirigente della Scientifica di Forlì - è diventata una vera e propria ragione di vita. Un libro per ricordare a chi c'era - trent'anni fa - il giorno più lungo e drammatico della Repubblica, e per raccontarlo a chi non c'era - i giovani e i ragazzi di oggi - insieme al senso e al valore di una scelta umana e professionale senza condizioni.
 
 
assaggia il libro assaggia il libro, sfoglia il trailer
cerca la libreria più vicina a casa tua cerca la libreria più vicina a casa tua
acquista il libro online su Amazon acquista il libro online su Amazon
vai alla pagina dell'ufficio stampa contatta l'ufficio stampa
 
l'autore
Carmelo Pecora Carmelo Pecora
(Enna 1959)

su
Facebook >>>

Vive a Forlì, dove ha diretto il locale nucleo di Polizia Scientifica. 9 maggio '78. Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato (2007) è il suo primo libro per ZONA, al quale hanno fatto seguito Polvere negli occhi (2009 - romanzo dedicato alla strage di Bologna), Ustica. Confessioni di un angelo caduto (ZONA, 2011) e Gli infedeli. Storie e domande della Uno bianca (2014).

Leggi il post (10.5.08) di Nando Dalla Chiesa su 9 maggio '78 >>>


Leggi la segnalazione di Carlo Fariciotti su Famiglia Cristiana del 24 aprile 2008 >>>

Guarda l'intervista di Franco Foschi su Arcoiris.tv >>>

Leggi la recensione di Andrea Lanini sul Tirreno del 9 maggio 2008 >>>

Leggi l'intervista di Luca Balduzzi per Imola Oggi de
l 9 giugno 2008 >>>

 
 
scopri come fare il tuo libro
area riservata ai lettori di ZONA
area riservata agli autori di ZONA
come pubblicare un libro per ZONA
area riservata ai sigg. librai
area riservata ai sigg. docenti
area riservata ai sigg. giornalisti
richiedi la newsletter
scrivi una email
 

  Editrice ZONA snc di Piero Cademartori e Silvia Tessitore
Sede legale: Corso Buenos Aires 144/4 - 16033 Lavagna (Genova)
Tel. 338.7676020 - E-mail: info@editricezona.it - Pec: editricezonasnc@pec.cna.it
www.editricezona.it - www.zonacontemporanea.it - www.failtuolibro.it